184749432-5d6aeafc-fbfd-48ac-96c6-5faeba97c1f6

U Fujutu su nesci chi fa? Il 24 febbraio, il nuovo album di Cesare Basile

Cesare Basile torna in pista con il suo nuovo album “U Fujutu su nesci chi fa?”, che uscirà il 24 febbraio 2017. In dialetto siciliano, Basile ci delizia con i suoi suoni africaneggianti e i suoi testi studiati. Voce calma e calda. Un nuovo album di storie e canzoni.

Il primo brano è “Lijatura”, sortilegio: rumori cupi e particolari, che non tutti possono apprezzare in fondo. Segue “Tri nuvuli ju visti cumpariri”: tamburi, tastiere, chitarra, battiti di mani, atmosfera quiete e movimentata allo stesso tempo. Corde arpeggiate accompagnano un timbro unico. Ed altri curiosi titoli tra cui “Cirasa di jinnaru”, “fimmina trista fimmina nata”, “Cola si fici focu”.

Il nuovo album ci presenta delle novità, che non perdono di certo la loro base folk : polifonie vocali e voci di donna. Tutto in un unico disco che, dal 24 febbraio, sarà disponibile in formato cd, vinile e digitale.

Qui sotto i testi in dialetto siculo con affianco traduzione in italiano:

cesare-basile-booklet cesare-basile-booklet-3 cesare-basile-booklet-4 cesare-basile-booklet-5

Cesare Basile nasce a Catania nel 1964; tra le sue esperienze migliori ricordiamo la fondazione del gruppo musicale “Quartered Shadows“, che trova un equo successo in Germania.  I Quartered Shadows aprono concerti di artisti di fama mondiale come Nirvana e Primus. Dopo l’importante decisione di lavorare da solista ,pubblica i suoi album”14 06 2006″, “Sette pietre per tenere il diavolo a bada” e “Tu prenditi l’amore che vuoi”

fonte foto Repubblica



Paola Zamataro

Immersa ed ammaliata dal mondo cinematografico, concretizzo le mie giornate tra film, fotografia, scrittura, poesia ed un simpaticissimo saxophono. Caso patologico di dipendenza cronica da musica, che ogni giorno mi accompagna dandomi lo sprint necessario per trovare l'ispirazione giusta e sopravvivere. Studentessa al liceo scientifico Galileo Galilei di Catania, con tante strane idee per la testa e tanti strani vestiti indosso (passione innata per i cappelli). Credo fortemente nella semplicità del guardare la realtà nelle sue complesse sfaccettature, ponendomi tantissime domande. Quindi: come immortalare una notizia degna di essere ricordata? di solito non ho risposte, ma un giorno qualcuno, tanto tempo fa mi suggerì di farlo attraverso PAROLE E SCATTI.