50-storie-di-giovani-desaparecidos_1j9g2u2npszm71nql16ddhjycn

Piscitella lascia Catania e polemizza con Rigoli e Lo Monaco

Arriva il primo movimento di calcio mercato del Catania, si tratta di un’operazione in uscita: Giammario Piscitella da tempo relegato in panchina e mai entrato nelle grazie del tecnico Rigoli, lascia ufficialmente la città etnea. Per il classe 1993 trasferimento al Prato via Roma proprietaria del cartellino del calciatore.

L’esterno offensivo saluta Catania dopo appena 6 presenze e un gol, a darne l’annuncio la società rossazzurra con un scarno comunicato a cui fa da contraltare il lungo messaggio d’addio del calciatore, pubblicato su Instagram e rivolto in maniera neanche troppo velata al tecnico Rigoli e all’a.d. Pietro Lo Monaco che si era detto deluso dal rendimento del calciatore.

È finita la mia esperienza a Catania. Mi dispiace che sia finita così perché solo Dio sa con quanto entusiasmo avevo scelto Catania e quanto mi stava a cuore la sua risalita, ringrazio lo splendido popolo catanese, ringrazio la magnifica città che merita molto di più“.

Poi la stilettata:

Ci tenevo a precisare che io ho dato sempre tutto fuori e dentro dal campo in ogni singolo allenamento, anche e soprattutto quando sono stato messo fuori senza un valido motivo.

Volevo poi rispondere a chi ha detto che “NON HA CONVINTO” o “MI ASPETTAVO DI PIU’” che non ho mai avuto la possibilità di sbagliare, non sono mai stato messo nelle condizioni di potermi giocare una chance, una volta è successo a Reggio Calabria, prima ed ultima

Mi chiedo come fa un giocatore a non convincere se gioca una sola partita in un girone facendo tra l’altro anche un gol.  Faccio un grande in bocca al lupo alla città di Catania, ai tifosi e ai miei compagni di squadra che sicuramente sapranno dare tante soddisfazioni!