vigili-del-fuoco-pompieri-generica-1024x685

Emergenza incendi, Porto: garantire dispositivo di supporto adeguato

«L’emergenza incendi di queste settimane che i Vigili del Fuoco stanno fronteggiando in tutta l’isola ed in particolare nella provincia di Catania, pone ancora una volta l’attenzione sul dispositivo di soccorso pubblico sottodimensionato e pesantemente carente anche dal punto di vista logistico».

Ad affermarlo è il consigliere comunale di Catania, Alessandro Porto, all’indomani di una nuova emergenza che ha visto impegnati i pompieri, costretti a operare in condizioni sempre più precarie, abbandonati dalle istituzioni che, al contrario, dovrebbero supportarne l’azione.
«Che siano gli incendi o le precipitazioni – afferma il capogruppo di Con Bianco per Catania – sono sempre maggiori gli sforzi a cui sono chiamati i vigili del fuoco di Catania e provincia che non riescono, per via della mancanza di organico, oltre che per la carenza di mezzi, a rispondere nella maniera migliore alle continue richieste che provengono dal vasto territorio. Per questo – continua –
bisogna istituire rapidamente il Distaccamento di Palagonia la cui apertura è prevista da decenni dal Dipartimento dei Vigili del fuoco ma che ancora, causa carenza di personale, è rimasto sulla carta».

Non è la prima vota che Porto affronta lo spinoso argomento: già in passato aveva proposto l’apertura di un distaccamento a Librino per coprire la vasta zona meridionale di Catania, in ausilio al distaccamento Sud. Non solo.

«I Vigili del fuoco patiscono enormi difficoltà legate alla insufficienza di mezzi e a situazioni logistiche indecorose come quelle del Distaccamento SUD più volte manifestate – tuona il consigliere. Rivolgo un appello al Dipartimento dei vigili del Fuoco, alla Regione siciliana che da anni non attiva le previste convenzioni per proteggere il patrimonio boschivo e fronteggiare gli incendi, affinché ciascuno, per le proprie competenze, provveda al più presto a garantire un dispositivo di soccorso all’altezza della situazione».



Redazione

Quotidiano on-line siciliano